Il nostro diario di viaggio

Natale a Londra: 22 Dicembre

Oggi la sveglia suona decisamente più tardi. Usciamo alle 10 in direzione musei visto il tempo non molto simpatico. Con il bus, il nostro mezzo di trasporto preferito londinese, arriviamo a Victoria, una delle stazioni principali di metro e bus. Purtroppo il nostro bus ha avuto qualche problema tecnico durante il tragitto quindi, a causa anche del traffico londinese, arriviamo a destinazione alle 11.30.

  • Londra
  • Londra
  • Londra

Il cielo inizia ad aprirsi così, invece di rifugiarci in un museo, decidiamo di andare al mercato di Portobello (Portobello Road Market, dal nome della strada in cui si tiene)nella zona di Notting Hill. Il mercato dell’antiquariato e le case colorate rendono questa zona un piacere per occhi e salute, il posto perfetto dove abitare (unico problema il prezzo delle case). Le fermate metropolitane più vicine sono Ladbroke Grove (Hammersmith and City line) e Notting Hill Gate (Circle, District and Central line) .

  • Londra
  • Londra
  • Londra

Con un bus arriviamo ad Holland Park, il parco più romantico di Londra in quanto ospita al suo interno il Kyoto Garden. Un angolo di “paradiso verde” dove è possibile staccare un pò dalla vita frenetica londinese e godersi la flora e la fauna in pieno relax, su una panchina dando da mangiare agli scoiattoli. Questi piccoli roditori, qui, sono particolarmente socievoli, tanto da avvicinarsi e arrampicarsi sulle nostre gambe alla ricerca di snack. Il laghetto con la cascata e la vegetazione giapponese fanno da cornice a questo quadro stupendo.

  • Londra
  • Londra
  • Londra

Sono quasi le 16, il sole londinese è già pronto per scendere e con esso la temperatura. Decidiamo quindi di andare al museo di storia naturale, un museo imponente distruibuito su vari piani tematici, adatto ad adulti ma anche ai bambini. Le zone che maggiormente ci hanno colpito sono state quelle del terremoto in cui si può rivivere l’emozione del terremoto in Giappone, a Kobe tramite una piattaforma che simula ciò e la zona dedicata ai dinosauri dove è possibile capire qualcosa su questi esseri preistorici e sulle loro dimensioni. Purtroppo il museo chiude alle 17.30 circa quindi siamo costretti ad uscire e non concludere la visita completa (per vedere i circa 70 milioni di reperti forse serve una settimana).

All’uscita troviamo una zona decisamente in tema natalizio, con piste da pattinaggio, giostre e addobbi luccicanti. Finiamo la serata a Leicester Square, la piazza è affollatissima. Numerosi sono gli artisti di strada che intrattengono i passanti alla ricerca di qualche sorriso (e spicciolo) e i ristoranti hanno la coda per potervi entrare. Nonostante la bellezza e la spensieratezza che questa piazza offre, il freddo accumulato durante la giornata ci porta a prendere un bus e a tornare in hotel.

Iscriviti al blog per non perderti i prossimi articoli londinesi e al canale YouTube per vivere con noi i nostri viaggi!

A presto, Davide e Giulia!